Week-end alla scoperta degli Elimi 4 e 5 maggio

 

Week-end alla scoperta degli Elimi

La storia 
“ Gli Elimi occupavano la parte occidentale della Sicilia e traevano la loro origine dall’incontro tra popolazioni autoctone e gruppi di origine egea e ligure. Sembra comunque certa l’origine non greca di questo popolo e che questa diversità sia stata la fonte della rivalità con la città di Selinunte, alla quale gli Elimi molto probabilmente impedivano lo sbocco al Tirreno. Secondo la tradizione, Elimo era un principe di sangue reale sfuggito alla caduta di Troia ed approdato in Sicilia nella regione del monte Crimiso. Qui, più tardi, venne raggiunto da Enea e da altri scampati alla distruzione di Troia. Avendo ormai la certezza che non fosse più possibile tornare in patria, l’eroe troiano fece costruire due città per le genti di Elimo ed Egesto, in modo tale che potessero stabilirsi definitivamente sull’isola. Le due città presero il nome di Elima, che venne edificata sul monte dove la gente di Elimo venne ritrovata da Enea, ed Egesta, il luogo dove attualmente si trova Segesta, nelle cui vicinanze esistevano dei bagni di acque benefiche. Le abitazioni erano di tipo troiano-frigio, fabbricate in modo tale da fornire necessario riparo e una difesa comune. All’interno dell’abitato esisteva anche una sorta di castello utilizzato come caserma per la guarnigione preposta alla difesa della città. Altri importanti centri furono: Entella, situata nell’entroterra palermitano e della quale oggi non resta nulla, e Solunto, della quale resta il sito archeologico.Con l’arrivo dei Cartaginesi, a parte Segesta, alla quale restò un limitata autonomia, tutte le altre città caddero sotto il dominio dei conquistatori. Successivamente conobbero le devastazioni procurate dall’esercito di Pirro, ed infine vennero sottomessi dai Romani”

PROGRAMMA DI VIAGGIO 

Giorno 4 Maggio, incontro alle ore 13.00 a Piazzale Giotto e partenza per Erice, visita della cittadina che ha svolto nel suo passato un ruolo importante come centro religioso di queste antiche popolazioni, passeggeremo all’interno del suo tessuto viario che è frutto delle diverse popolazione che qui vi si sono stabilite, scoprendo scorci viuzze della cittadina famosa oltre per il “centro di cultura scientifica Ettore Majorana” anche per i suoi dolcini di pasta di Mandorla arrivo in Hotel sistemazione nelle camere riservate,cena intrattenimento musicale pernottamento

Giorno 5 maggio, prima colazione in Hotel e partenza per la Visita del Parco archeologico di Segesta ,che con il maestoso Tempio Dorico la sua fondazione risale al V° sec a.c.,e l’area sul Monte Barbaro, che con l’ Agorà il Teatro Greco , la chiesetta Bizantina , la Moschea e il Castello ne fanno un luogo di grande interesse Storico-Archeologico Pranzo in ristorante, nel tardo pomeriggio rientro a Palermo.

LA QUOTA COMPRENDE: BUS GT PER TUTTA LA DURATA DEL VIAGGIO, GUIDA TURISTICA,  SITEMAZIONE HOTEL IN CAMERA DOPPIA, ESCURSIONE COME DA PROGRAMMA, SERVIZIO DI AURICOLARI, RISTORANTE IN CORSO DI ESCURSIONE, BIGLIETTO NAVETTA PER LA ZONA DEL TEATRO

LA QUOTA NON COMPRENDE: MANCE ED EXTRA DI NATURA PERSONALE, TUTTO QUANTO NON ESPRESSAMENTE NE “LA QUOTA COMPRENDE”

Per info e costi contattare Sebastiano Garifo cell 3317830949

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *